Home / Noticias / Los Caminos del Vino: Uruguay e le Bodegas Carrau

Los Caminos del Vino: Uruguay e le Bodegas Carrau

Los Caminos del Vino è la Strada del Vino in Uruguay voluta da alcune Cantine “uruguage” per incentivare, anche in quel paese sudamericano, il turismo del Vino. Aprono le porte delle proprie Bodegas per svelare i “misteri” di alcuni vitigni, per condividere le passioni, per realizzare un’esperienza sensoriale unica e completa.

Molto meno noto degli altri sudamericani, il Vino dell’Uruguay merita un dovuto rispetto per la sua tipicità. Questo paese si trova tra il 30° e il 35° parallelo sud. Con un gioco di parole si colloca a Nord della zona vitivinicola dell’Emisfero Australe e condivide questa posizione con laRegione Argentina del Salta. La differenza tra le due Regioni è che le aree vinicole uruguagie godono di un clima marittimo simile al Bordeaux con il risultato di un titolo alcolometrico medio intorno ai 12-12,5%, un prodotto molto fruttato  con la presenza tannica manifesta ma non aggressiva.

f5471c71-1b91-4cd9-a783-ae02164e9c3cIl vitigno principe di questo territorio è il Tannat, quello ben conosciuto nella zona del Madiran ad ovest del Bordeaux. La sua coltivazione occupa circa un quarto della superficie totale vitata. E come il genitore francese dà vini corposi e austeri facilmente abbinabili alla cucina del luogo a base di carni rosse. Gli altri vitigni presenti sono: Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Pinot Nero, Petit Verdot, Moscato d’Asburgo (per meravigliosi rosati) e il piemontese Nebbiolo insieme al trentino Marzemino unitamente ai bianchi Sauvignon Blanc, Chardonnay, Petit Manseng e il toscano Trebbiano. Le Regioni vinicole sono nove; la principale e maggiormente conosciuta è Canelones posizionata a sud vicina alla capitale Montevideo. Altra zona interessante dal terroir diverso è Rivera che vanta l’altitudine maggiore, poco più di 300 mt, a nord al confine con il Brasile.

Nel mio vinovagare per il mondo ho avuto il piacere di conoscere ed intervistare l’Ing. Javier Carrau Direttore della Bodegas Carrau, una delle Aziende più importanti dell’Uruguay. Non solo per i numeri, gli ettari posseduti e coltivati ma in particolare per la Storia della sua Famiglia. D’origine spagnola iniziò la propria avventura vitivinicola in Catalogna nel 1752. Dieci generazioni si sono succedute da allora e la presenza in Uruguay risale al 1930.

466c788c-0eb1-452b-8dc2-da726e349b2f“Nelle nostre Bodegas seguiamo i valori che i nostri genitori hanno imparato dai loro genitori e rappresentano la nostra eredità più preziosa.”

L’Ing. Javier mi ha ricordato nei particolari l’avventura della famiglia nei secoli; non dissimile dalle avventure di tutti gli emigranti nel Nuovo Mondo. Interessante, stimolante ed avvincente, è stata  l’esposizione e l’illustrazione delle Bodegas Carrau.

Bodega Las Violetas nel Canelones. La prima acquistata da juan Carrau Sust al suo arrivo in Uruguay. Terreni calcarei, argillosi per uve eccellenti di Merlot, Chardonnay, Cabernet Franc  e il vigneto di Nebbiolo e Marzemino.

Bodega Columbus nel distretto di Montevideo con i suoi vitigni internazionali.

Bodega Cerro Chapeu nel distretto di Rivera con i suoi Tannat, Sauvignon Blanc, Cabernet Sauvignon, Petit Verdot e Pinot Noir.

I miei assaggi:

Sauvignon Blanc 2015. Dalla Bodega Cerro Chapeau. Paglierino, olfatto incentrato su note varietali, salvia, erbe aromatiche. Palato convincente con buon sostegno di freschezza e sapidità. Persistenza medio-lunga.Voto 87/100

1752 Gran Tradicion. Petit Manseng e Pinot Gris 2012. Semplicemente meraviglioso. Voto 90/100

Tannat de Riserva 2012 Selezione dei Tannat aziendali. Quando il Tannat diventa interessante e sotto certi aspetti seducente, ben lontano dal Tannat conosciuto nel Madiran. Voto 91/100

1752 Gran Tradicion. Blend di Tannat, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc 2010. Selezione di vitigni di Cerro Chapeu. Anche questo vino raggiunge l’eccellenza senza esitazioni. Carica cromatica sul rubino, fruttato e tante spezie. Al palato concede un tannino tosto ma amabile e seducente. Persistenza lunga Voto 90/100

Amat 2011Amat 2011. Tannat 100%. L’orgoglio aziendale. Ottima concentrazione cromatica, naso complesso con il fruttato in evidenza che lascia spazio agli speziati. Al palato dinamico e allo stesso tempo elegante, la caratteristica dei Tannat dell’Uruguay. Già eccellente saprà donarsi ancor più tra qualche anno. Voto 92/100

Nel percorrere Los Caminos del Vino scopri e capisci che l’Uruguay non è come lo dipingono coloro che“vendono vino” nel mondo; una sorta di Cantina Unica che produce “solo tannat” riferendolo al “genitore francese” del Madiran.  È un mondo vivo, a tratti caliente, diverso dai paesi cugini (Cile e Argentina), dove i produttori “sprigionano” la passione per la loro terra e che, di anno in anno, costruiscono un vero e proprio centro culturale del vino: Vini d’Autore.

Urano Cupisti

Fuente: orrieredelvino.it

Dejar un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *